itTreviso

COSA VEDERE

Lo splendore di Venezia a Villa Tiepolo Passi

Villa Tiepolo Passi Facciata

Villa Tiepolo Passi a Carbonera, pochi chilometri a nord est di Treviso, è probabilmente una delle ville più note intorno al capoluogo della Marca. Tra giardini perfettamente curati e oggetti antichi, apriamo insieme una porticina sui fasti della Repubblica di Venezia.

Oltre 300 anni di storia

Villa Tiepolo Passi è una villa cosiddetta post palladiana, ovvero edificata nel periodo immediatamente successivo al lavoro di Andrea Palladio, il più grande costruttore di ville venete. Anche questa, come la maggior parte di esse, nasce prima come tenuta agricola e poi come luogo di villeggiatura. Erano circa 160 le famiglie che lavoravano per la famiglia Tiepolo nel momento del suo massimo splendore: un’intera comunità. L’edificio venne ultimato attorno al 1674 e dal punto di vista stilistico rimanda alla scuola dello Scamozzi, architetto che fu allievo proprio di Palladio e che fu molto impegnato nell’edificazione delle tenute nobiliari di Venezia. Tuttavia non c’è una documentazione che ne attesti con precisione la firma. Abbiamo invece indicazioni precise circa il pittore che ha realizzato il ciclo di affreschi del corpo centrale: Pierantonio Cerva.

Villa Tiepolo Passi Retro
La facciata della villa che affaccia sul parco retrostante (Foto: Giorgia Favero)

I Tiepolo erano una delle famiglie patrizie più antiche di Venezia: vantano ben due dogi, un patriarca e un sovrintendente della flotta. Il tutto naturalmente è ben esposto agli occhi dei visitatori – moderni e antichi – nella “hall” della villa, il cosiddetto mezzà. La villa passò poi ad altre famiglie, i Valier e soprattutto i Passi: da qui il nome Tiepolo Passi. Durante la prima guerra mondiale divenne ospedale da campo ed oggi è ancora abitata dagli eredi Passi. Una curiosità: nel 2017 la villa ha ospitato il matrimonio hollywoodiano di uno degli eredi, Gian Luca Passi, con l’attrice americana Jessica Chastain.

Le bellezze di Villa Tiepolo Passi

Le barchesse della villa – le “ali” dell’edificio che una volta ospitavano le attività legate all’azienda agricola – sono oggi trasformate in appartamenti privati. Il corpo centrale invece è visitabile nell’aspetto che aveva la villa fino a non troppo tempo fa, con un mix di arredi molto antichi e relativamente moderni. Il piano terra era un luogo in cui si accoglievano i contadini a contabilizzare le merci prodotte e raccolte. Era dunque un ambiente di lavoro e di servizio dell’azienda agricola. La famiglia invece – quando presente e sempre esclusivamente d’estate – viveva al piano nobile, come detto riccamente affrescato secondo un gusto barocco.

Villa Tiepolo Passi Giardino
Vista sul giardino settecentesco di Villa Tiepolo-Passi (Foto: Giorgia Favero)

Anche il giardino, realizzato nel Settecento, è splendidamente curato e lo possiamo ammirare nella medesima forma in cui lo facevano i Tiepolo trecento anni fa. Un’altra porzione di parco invece venne modificata nell’800 sulla moda inglese di ispirazione romantica. L’ampio spazio verdeggiante ospita anche una chiesetta, dedicata alla Madonna del Rosario, edificata circa un secolo dopo la villa. Molto importante anche la presenza dell’acqua, testimoniata dal mulino e la peschiera, entrambi attualmente in ristrutturazione.

Villa Tiepolo Passi Fronte
Tra il corpo centrale e le barchesse si aprono degli angoli straordinari. Questo sulla sinistra è presidiato dalla statua del filosofo Democrito (Foto: Giorgia Favero)

Le ville venete: che numeri!

Le ville venete sono una più bella dell’altra e quando si comincia a visitarle – come dire – una tira l’altra! Nel territorio della ex Serenissima – che si estende anche fino a lambire il basso friulano, il bellunese e il bergamasco – se ne contano almeno 4300! Tante purtroppo sono in stato di abbandono o in cattivo stato conservativo, anche perché dalla caduta della Repubblica molti nobili lasciarono i loro territori sulla Terraferma e le ville restarono disabitate. Tante altre per fortuna sono ancora in piedi e ben tenute, così che possono essere visitate in tutto il loro splendore. Alcune si raccolgono nell’Associazione Ville Venete, che si impegna a valorizzare un patrimonio che – anche se non ce ne rendiamo conto – è più che inestimabile.

Lo splendore di Venezia a Villa Tiepolo Passi ultima modifica: 2021-08-03T09:54:09+02:00 da Giorgia Favero

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

Bellissimo. Grazie.

Julieta B. Mollo

Che bellezza!

Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x