Il monolite "atterra" anche a Cimadolmo sulla riva del Piave - itTreviso

itTreviso

NEWS

Il monolite “atterra” anche a Cimadolmo sulla riva del Piave

Monolite Cimadolmo

Il 2 febbraio è stato avvisato per la prima volta un misterioso monolite, nuovo esemplare dei famosi monoliti che hanno “colonizzato” il mondo. Dove? A Cimadolmo, 20 chilometri a nord di Treviso!

La “febbre” dei monoliti

Era il 18 novembre 2020 quando per la prima volta il mondo ha sentito parlare dei monoliti. Questo strano oggetto scultoreo d’acciaio a base triangolare è comparso per la prima volta in Utah (USA) nel bel mezzo di un canyon. Da quel momento, questi altissimi prismi dotati di geroglifici incisi hanno cominciato a riempire il mondo: il secondo è comparso in Romania il 26 novembre, il 2 dicembre ne sono comparsi altri due negli Stati Uniti e così il mistero si è infittito. Qualcuno ha ipotizzato che fossero opera degli alieni, secondo altri è stata una grande mossa organizzata da qualche movimento ambientalista. I maggiori indiziati in realtà sono gli artisti del collettivo “The most famous artist”. Fatto sta che da dicembre ne sono comparsi almeno 200 in tutto il mondo, di cui molte imitazioni.

Monolite Utah
Il monolite originale scoperto in Utah (Foto: themonolithtracker)

Il monolite di Cimadolmo

Comparso lo scorso 2 febbraio, il monolite di Cimadolmo condivide molti aspetti con i monoliti apparsi nel resto del mondo. Si trova conficcato nel terreno sulla riva del Piave, fiume sacro alla patria e per qualcuno “violato” da questa misteriosa operazione. È alto circa 2-3 metri, è un prisma a base triangolare in acciaio e reca dei “geroglifici maccheronici” indica il nome del Piave. Come tutti gli altri, è comparso una mattina, proprio lì dove la sera prima non c’era. I proprietari del vicino ristorante “La botte” negano che si tratti di una loro trovata pubblicitaria, e così l’amministrazione comunale di Cimadolmo.

Monolite Dettaglio
Dettaglio del monolite di Cimadolmo (Foto: Facebook)

Ci lusinga constatare che l’artista che qui lo ha deposto, chiunque esso sia, abbia scelto proprio il nostro paese per l’esposizione” scrive su Facebook il sindaco Giovanni Ministeri. Verrà però spostato, poiché si trova in un’area del demanio; “se ai Cimadolmesi questa stele di metallo tutto sommato non dispiace, ci impegneremo a perfezionarla e a valorizzarla” scrive ancora il sindaco.

Una storia ancora avvolta nel mistero

Quello di Cimadolmo è il decimo di questi monoliti comparso sul territorio italiano. Per vederli tutti c’è a disposizione l’apposito sito monolithtracker. Ancora non è certa la paternità del progetto, tanto meno quella di ogni singola opera. Molti monoliti sono infatti stati rimossi, altri confermati come imitazioni del progetto originale (sempre che ce ne sia uno). Il mondo si divide su questa trovata, ma una cosa è certa: per qualche tempo ha distratto la nostra attenzione e – perché no – ci ha fatti un po’ fantasticare. Piaccia o non piaccia, è bello pensare che per qualche tempo una semplice scultura liscia di argenteo metallo, comparsa nei luoghi più disparati e in situazioni misteriose, ci abbia uniti tutti come popolazione mondiale e ci ha fatti sentire parte di un unico popolo.

Il monolite “atterra” anche a Cimadolmo sulla riva del Piave ultima modifica: 2021-02-17T11:00:50+01:00 da Giorgia Favero

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Doati Marco

il mistero del monolite che sta “colonizzando” il mondo raggiunge anche Treviso 🙂

Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
2
0
Would love your thoughts, please comment.x