I TREVIGIANI RACCONTANO TREVISO

itTreviso

NEWS

Il liceo Canova di Treviso premiato nelle classifiche

Liceo Canova

La Fondazione Agnelli premia lo storico liceo trevigiano Antonio Canova al decimo posto della classifica Eduscopio 2020/21.

Un meritato decimo posto

Il liceo Canova si è classificato al decimo posto nell’ultimo aggiornamento della preziosa lista di Eduscopio. Si tratta di uno strumento realizzato dalla Fondazione Agnelli che orienta le famiglie alla scelta di una scuola superiore dove iscrivere i propri figli. Nella sezione dedicata ai licei classici dunque il Canova si è aggiudicato un posto in top 10. Tra i criteri presi in considerazione ci sono la capacità di preparare e orientare gli studenti a un successivo passaggio agli studi universitari e quella di preparare l’ingresso nel mondo del lavoro per quanti, dopo il diploma, non intendono andare all’università e vogliono subito trovare un impiego. Questi i risultati che gli hanno valso il podio: il voto medio di maturità degli immatricolati (82,7), il voto medio di maturità dei non immatricolati (80,1), il numero di diplomati per anno (110), la percentuale di diplomati che si immatricolano all’università e superano il primo anno (86%).

Liceo Canova Interno 2
Interno del liceo Canova, ingresso. Immagine tratta da una ricostruzione 3D.

Liceo Canova: una formazione a 360°

Secondo la dirigente Mariarita Ventura, il punto di forza del liceo Canova è la sua formazione a 360 gradi. Tanto che, per quanto possa stupire, meno del 30% degli studenti prosegue con studi di tipo umanistico a livello universitario. Quello giuridico e quello economico sono gli ambiti più gettonati ma è apprezzato anche quello medico-sanitario, frutto di una importante collaborazione con l’Ulss 2 “Marca Trevigiana” avviata lo scorso anno. La dirigenza scolastica spiega che puntare alla multidisciplinarietà consente ad ogni studente di poter seguire le proprie inclinazioni, senza penalizzare nessuno. Ad oggi il Liceo Canova conta 1370 studenti.

Una lunga storia

Non tutti sanno che si tratta di una scuola storica. Il Canova (che ancora non aveva questo nome) viene istituito con decreto vice-reale napoleonico il 25 luglio 1807. Il che significa che ha più di duecento anni! La scuola viene intitolata al grande artista del neoclassicismo solo dal 23 gennaio 1867, successivamente all’adesione del Veneto al Regno d’Italia. Nel frattempo ha cambiato sede numerose volte, andando ad occupare (tra le altre) l’attuale sede comunale di Ca’ Sugana.

Liceo Canova Libro
(Fonte: Unsplash.com)

È solo nel 1922 che il Liceo si trasferisce nell’attuale sede in via Mura San Teonisto con una grande inaugurazione il giorno 11 novembre. Colpito dai bombardamenti del 1945 viene subito ricostruito e nei decenni successivi, complice anche il boom di nascite, comincia ad espandersi acquisendo nuove sedi. Tra queste, quella dell’ex liceo scientifico Leonardo Da Vinci che attualmente ospita per la maggior parte classi dell’indirizzo linguistico. Ad oggi gli appartiene anche una terza sede, quella di Ca’ del Galletto a Santa Bona.

Il liceo Canova e la gestione della pandemia

Il Liceo Canova in questo periodo continua a far parlare di sé. Diverse sono state le iniziative congiunte di studenti, insegnanti e genitori che raramente si erano uniti così solidamente nei loro intenti. Il bersaglio principale è la decisione della regione Veneto di tenere chiuse le scuole superiori nel mese di gennaio. Sotto accusa il mancato adeguamento dei trasporti alla situazione pandemica, considerando che, come indicava ancora l’ISS lo scorso 30 dicembre, “le scuole sembrano essere ambienti relativamente sicuri e il loro ruolo nell’accelerare la trasmissione del Coronavirus in Europa sia limitato“.

Liceo Canova Interno 1
Interno del liceo Canova, primo piano. Immagine tratta da una ricostruzione 3D.

I temi discussi da studenti, genitori e insegnanti sono principalmente il disinteresse nei confronti delle difficoltà psicologiche degli studenti e l’inadeguatezza della didattica a distanza (DAD) ad offrire una formazione rigorosa. “Con particolare disappunto si guarda alle scelte del governatore Zaia di tenere aperti centri commerciali e di riaprire le piste da sci, ma di mantenere gli istituti superiori chiusi” spiega Francesco Negro, rappresentante del Comitato Priorità alla scuola.

Il liceo Canova di Treviso premiato nelle classifiche ultima modifica: 2021-01-11T09:52:52+01:00 da Giorgia Favero
To Top