I TREVIGIANI RACCONTANO TREVISO

itTreviso

ARTIGIANATO INTERVISTE

Davide Anzanello, l’arte di aerografare veicoli

Aerografie di Anzanello

L’aerografia è una tecnica artistica particolare. Consiste nel dipingere attraverso un pennello o una pistola che funziona a pressione, creando una serie di effetti che derivano proprio da questa particolare modalità. Colori precisi o nebulizzati, che si possono applicare alle superfici più disparate, ma nel nostro caso vanno ad ornare mezzi a due o quattro ruote. Ed è sempre più facile trovarne l nel sempre più vasto mondo di chi cerca di customizzare, ovvero personalizzare, il proprio mezzo.

Davide Anzanello con le foto dei suoi lavori sullo sfondo
Anzanello nel suo stand al Motor Bike Expo (Foto Luca Fincato)


Il trentenne Davide Anzanello, ne è uno dei giovani rappresentanti più apprezzati dagli appassionati. Sicuramente si può definire più un artista che un artigiano. Aerografia Anzanello è in provincia di Treviso, a Fontanelle, dove siamo andati a trovarlo.

Intanto da quanto tempo fai questo particolare lavoro?

Dal 2009, principalmente del settore motociclistico, ma in realtà l’aerografia si può espandere su qualsiasi oggetto. Di soliti i clienti mi fanno avere le foto dei soggetti che vogliono veder realizzati ed il supporto deve questi devono andare. Collaboro inoltre con diversi customizzatori del territorio.

Quali sono le cose che vengono richieste e che tecniche usi?

Di tutto e di più. Dall’oggetto di uso comune, fino naturalmente ai più comuni caschi per le moto, ma anche alcuni tipi di marmi. C’è però pure un signore di una certa età che sul telaio della sua bicicletta da corsa ha voluto raccontare la sua storia. Forse la cosa più particolare che ho aerografato è stata addirittura la protesi di una gamba, il cui cliente viene ogni quattro anni a farsi fare un disegno nuovo.

Una Vespa aerografata ed esposta ad un salone internazionale
Una Vespa aerografata da Anzanello (Foto Luca Fincato)

Su quali materiali si può verniciare?

L’aerografia si può sviluppare in diversi modi. O si parte da zero, nel senso che il cliente può decidere dall’inizio di personalizzare l’oggetto al cento per cento. Ma a volte si può anche  fare un altro tipo di lavorazione, mantenendo la vernice di base ed aggiungendo una grafica, un disegno o qualcosa che comunque colpisce chi guarda.
Praticamente su tutto, come dicevo l’ha fatto anche su dei marmi, perchè ogni materiale ha una sua diversa preparazione. Quindi prima di verniciare si danno comunque delle apposite protezioni, sulle quali successivamente si possono applicare le aerografie, finendo poi tutto il “trasparente”, che protegge il lavoro. In pratica non è molto diverso dalla verniciatura di un’autovettura. Raramente mi sono dedicato a macchine intere, come quelle del mondo del tuning, mentre mi è capitato di lavorare su parti dell’auto, principalmente il cofano, con soggetti particolari.

C’è poi anche questa moda del “finto vecchio”…

In questi ultimi anni va molto il vintage e quindi sono richiesti effetti che danno l’effetto dell’invecchiamento, del graffiato, addirittura della ruggine, che naturalmente non è vera, ma è solo un effetto derivato da processi di verniciatura. Si cerca di rendere tutto reale, anche attraverso l’uso di un trasparente opaco, che da proprio il senso dell’invecchiamento.

Caschi e serbatoi di moto firmati da Davide Anzanello
L’artista trevigiano con caschi e serbatoi da moto (Foto Luca Fincato)

Che tipo di cliente viene da Davide Anzanello?

Non ci sono limiti, nel senso che può arrivare il diciottenne, come il settantenne. Allo stesso modo ho realizzato aerografie di moto intere per donne-biker.

Infine parliamo di costi, da quanto si parte e che tempi occorrono?

Per realizzare per esempio un casco, ci sono svariate opzioni, nel senso che si può andare dai cento euro in su, arrivando anche sui seicento euro. Dipende anche dai dettagli e dal materiale che si vuole utilizzare.
Per quanto riguarda il tempo, ce ne vuole molto, paradossalmente a volte ci si mette meno a verniciare una moto che a fare un casco. Generalmente lavorare una settimana significa che si sta facendo un lavoro impegnativo.

Davide Anzanello, l’arte di aerografare veicoli ultima modifica: 2020-06-12T11:18:51+02:00 da Gigi Fincato
To Top